Categories
Ideodromo

Siamo diventati…

… un Paese di furbi, di gente che cerca la scorciatoia per arrivare all’obiettivo, anche in maniera priva di scrupoli e piuttosto disumana.
Le inchieste sulla presunta ‘P3’ e il ritorno alla ribalta della questione fra Stato e mafia in occasione del 18° anniversario dell’uccisione di Paolo Borsellino hanno poi rincarato la dose di ribrezzo che il sottoscritto – e credo facilmente anche altre persone che se lo sono chiesto – sta avvertendo dopo gli ennesimi sentori di uno Stato molto vicino a quelle che sono delle situazioni di connivenza, ambiguità,  mal gestione e poca considerazione dei problemi che realmente ci sfiancano e dei quali le classi dirigenti, da decenni, si allontanano andando a parare su soluzioni maggiormente egoistiche, connettibili all’aumento delle proprie ricchezze e influenze.
La vicenda secondo la quale lo Stato sarebbe coinvolto nelle stragi mafiose del ’92 (e forse anche altre) è molto simile a quella che nel ’78 investì l’Italia con il caso ‘Moro’: continui strascichi e diverse coincidenze (che sembrano francamente troppe) non possono, a mio modo di vedere, non far pensare che qualcuno abbia agito in una maniera così efferata, subdola e così immensamente grande agli occhi di un semplice cittadino. Ma è proprio questa azione da parte di chi dovrebe servire lo Stato a creare uno scompenso tale da far pensare se veramente viviamo in un Paese civile.
Intendo dire: come fare a resistere a una continua azione massonica che approfitta del nome dello Stato per regolare la vita di tutti i giorni dello Stato stesso, della Nazione? Come poter convivere, da cittadino, con un apparato elefantiaco che ti opprime, ti asfissia e che poi, nello stesso tempo mangia nello stesso piatto di chi esso stesso sta combattendo.
Io mi chiedo questo. È una cosa troppo grande, lo sappiamo, ma  il fatto di non poter sapere il colpevole di un delitto è un problema che in un Paese come il nostro, ce si dice civilizato, non dovrebbe esistere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.